Tag Archives: evasione

Pos … è solo una marchetta

Pos … è solo una marchetta

Ieri è entrato in vigore l’obbligo per tutti i lavoratori autonomi di accettare il pagamento elettronico per importi superiori a 30 euro. La misura è stata salutata come un grande passo avanti contro l’evasione fiscale, ed in molti si sono lamentati del fatto che la norma non preveda una sanzione e pertanto l’obbligo sia più morale che pratico. La norma mi tocca personalmente perchè anche io, per la mia attività, avrei dovuto adeguarmi. Non l’ho fatto, e non lo farò. Non l’ho fatto, non per nascondere imponibile al fisco, ma perchè avrei avuto forse un cliente in un anno che mi avrebbe richiesto il pagamento a mezzo bancomat e per soddisfare il suo capriccio avrei dovuto pagare circa 1.200 euro l’anno alla banca per il servizio. Quello che viene fatto passare per una norma rivoluzionaria in realtà non è altro che l’ennesima marchetta fatta alle banche. Al popolino ignorante e ciuco è stato fatto intendere che la norma serva a reprimere l’evasione fiscale, ma non è così. Infatti l’obbligo, pur anche morale, non è quello di effettuare tutti i pagamenti superiori a 30 euro con moneta elettronica. Questo avrebbe avuto un senso in quanto chi avesse avuto del “contante” non avrebbe saputo come spenderlo se non per importi molto esigui. Facciamo un esempio per capirci: se io avessi 50.000 euro in una cassetta di sicurezza derivanti da evasione sarei costretto a spenderli a tranche di 30 euro. Ciò significa che per smaltire quel “nero” avrei dovuto effetture  1.666,66 periodico  transazioni. Ciò avrebbe complicato in modo drammatico la vita all’evasore perchè avrebbe guadagnato senza riuscire a spendere il danaro illecitamente guadagnato. Appare del

Read More

Rispettoso o no ?

Rispettoso o no ?

Riprendo dal Corriere della sera “Il pm di Milano Adriano Scudieri ha chiuso le indagini su Renato Mannheimer, presidente dell’Ispo, l’istituto di sondaggi, indagato per un’evasione da 10 milioni di euro insieme al consulente Francesco Merlo ed altre persone. L’evasione, contestata a conclusione di indagini della Guardia di Finanza, si riferisce agli anni dal 2005 al 2010, e sarebbe stata realizzata con fatture false per 30 milioni di euro. Mannheimer, dopo essere stato interrogato due mesi fa dal pm, aveva detto di voler restituire al fisco tutto il dovuto” Il noto sodaggista ospite fisso di Porta a Porta, ” si era detto «intenzionato a fare in modo che sia restituito al fisco tutto quanto dovuto». Mannheimer aveva sottolineato anche «come, già da alcuni anni», sia lui personalmente che le sue società «siano totalmente rispettose della normativa fiscale» ” Probabilmente saranno state rispettosi dal 2010 in poi, perchè dal 2005 al 2010 ci hanno fatto un c… così !