VanniGio/ Ottobre 9, 2012/ Pensieri/ 0 comments

Pila di pratiche

In un momento di caccia alle streghe quale quello che stiamo vivendo nel quale sembra che l’unico male dell’Italia sia l’evasione fiscale ho voglia di raccontare questa storia vera.

Un’azienda mugellana versò il 28/11/1991 1.373.000 lire (vecchio conio italiano sostituito nel 2002 con l’euro) di acconto ILOR (vecchia Imposta Locale sui Redditi abrogata fin dal gennaio 1998) attraverso la banca anziché l’esattoria come invece avrebbe dovuto. Errore imperdonabile!

L’onesto contribuente, accortosi del misfatto, versò nuovamente l’importo di 1.373.000 lire stavolta attraverso l’esattoria. Immediatamente dopo aver fatto il secondo versamento ed il proprio dovere di contribuente distratto ma onesto richiese al Fisco presunto galantuomo il rimborso della somma versata erroneamente.

Nella migliore tradizione omertosa il presunto galantuomo alla richiesta dell’onesto contribuente non fece seguire risposta.

Il nostro eroe allora inoltrò ricorso alla Commissione Tributaria per vedersi restituiti i soldi erroneamente versati due volte. La Commissione Tributaria in primo grado visti i fatti ed il doppio pagamento non poté che dare ragione all’onesto contribuente ed intimare al Fisco la restituzione del maltolto.

Il Fisco presunto galantuomo decise, a quel punto, di impegnare mezzi ed energie per ricorrere sulla decisione di primo grado convinto di essere nel giusto nell’appropriarsi del doppio pagamento del distratto ma onesto contribuente.

Ma questa non fu la cosa più strana. La cosa ancora più strana fu che la Commissione Tributaria di secondo grado nel luglio del 1995 ritenne suo preciso dovere accogliere il ricorso del Fisco presunto galantuomo condannando l’onesto contribuente a non riavere i suoi soldi.

Incredulo l’onesto e distratto contribuente non si dette per vinto e inoltrò ricorso contro la decisione di secondo grado, correva l’anno 1995.

Nel 2000 non è finito il mondo come qualcuno si aspettava, nel 2002 è arrivato l’euro, l’Ilor non c’è più e qualche giorno fa è arrivata all’onesto ma distratto contribuente una raccomandata che diceva: … il giorno 25/10/2012 alle ore 10.00 nei locali … il collegio discuterà il ricorso contro la decisione della Commisione Tributaria di II grado di Firenze n…. del 1995.

Questa storia è iniziata il 28/11/1991 vedrà la fine il 25/10/2012 esattamente 7.637 giorni dal suo inizio, e potrebbe, ma non vogliamo pensarlo, anche risolversi, visti i precedenti, a favore del Fisco presunto galantuomo.

A parte gli scherzi credo che il dramma consista nel fatto che c’è un uomo, pagato da tutti noi, che ha perso il suo tempo, ha impegnato i giudici di tre Commissioni, ha usato carta, computer e fotocopiatrici pubblici, ha spedito raccomandate e messo bolli, per … per non restituire 1.373.000 lire che un contribuente aveva pagato due volte.

Ecco io quell’uomo vorrei conoscerlo.

 

 

Share this Post

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*